Visualizza questo blog in altra lingua.

Se il tuo cuore lo sente,dona un po della tua abbondanza...TI AMO

04 nov 2013

Il cambiamento viene dal nostro interiore.

Sat Nam miei cari fratelli!! Tante benedizioni in questo giorno meraviglioso. 

Oggi continuiamo con questi messaggi divini che vengono a noi attraverso il corso di miracoli. 


I miracoli cambiano la vita, ma il cambio viene solo dal nostro interiore non dall'esterno. 


Non dobbiamo aspettarci di vedere cambiamenti all'esterno di noi, se prima non ci sono nella nostra mente. 


Una volta iniziamo a percepire correttamente non avremo bisogno di fare nulla, perché tutto ciò che vogliamo sarà concesso,  giacché dopo aver eliminato la causa delle nostre apparente limitazioni gli effetti spariscono.

Sicuramente, con la pratica di questo corso, la nostra mente inizierà a trasformare tutte quelle credenze in modo di percepire in un modo corretto

Non importa se ancora non crediamo a queste idee,  è perfetto cosi. 


L'unica cosa che ci chiede il corso e quello di essere disposti a mettere in dubbio il nostro sistema di pensiero, e la vita che stiamo sperimentando, domandarci e aprirci a tutte le possibilità. Ed essere pronti a ricevere le risposte.

La lezione di oggi ci conferma il nostro potere e ci dice che è stato difficile per noi accettare questo potere. 


Questo potere non è un regalo, ma una cosa che ci appartiene e che una volta abbiamo dimenticato. 

Abbiamo cominciato ad essere schiavi nel momento in cui iniziamo a pensare come una mente separata da tutte l'altre mente. 


Abbiamo creduto di perdere la capacità di creare miracoli, di vedere la realtà, la capacita di perdonare e di amare

Abbiamo creduto a tutte le bugie che ci ha fatto credere l'ego e abbiamo perso il nostro potere.

Ma oggi, questa lezione ci ricorda che tutti siamo uno, che non siamo separati, che l'altro è nostro fratello è che essendo uno abbiamo già tutto. 


Ricorderemo tutto quello che una volta abbiamo dimenticato e ricorderemo che siamo pieni e abbondanti

Nel momento che accettiamo questa verità finisce 
già la lotta, le sofferenze, le carenze, finisce tutto e inizia la vita di abbondanza, di unione, di amore, di perfezione, di liberazione.

Ricorda in questo momento chi sei, non quello che pensavi, ma quello che sei in realtà: hai il potere di cambiare la tua vita, hai il potere di creare miracoli. Ti amo! Hari Shabab Kaur. Namastè!!

Un Corso in Miracoli
Testo Libro degli esercizi Manuale per gli insegnanti
Un corso di Miracoli. 
Capitolo 3.
La percezione innocente. 
V. Al di là della percezione.  
Scaricare audio mp3. Scaricare pdf


1. Nell'altro capitolo ti ho detto che l'abilità che ora possiedi sono solo l'ombra della tua vera forza e che la percezione, che è intrinsecamente giudicante, iniziò solo dopo la separazione. Da allora nessuno è stato sicuro di niente.

Ho anche messo in chiaro che la risurrezione era il mezzo per tornare alla conoscenza, che è stato realizzato attraverso l'unione della mia volontà cosi come quella di mio padre. 

Ora è opportuno stabilire una distinzione per chiarire alcuni dei principi che verranno discussi di seguito.
2. Dall'inizio della separazione, è stato un sacco di confusione tra le parole "creare" e "fabbricare"

Quando fabbrichi qualcosa lo fai come risultato di un sentimento specifico di mancanza o di necessità. Nulla che si fa per uno scopo specifico ha la capacità di generalizzarsi.

Quando fai qualcosa per porre rimedio a quello che percepisci come un fallimento stai implicitamente affermando che credi nella separazione. 

L'ego ha inventato numerosi sistemi di pensiero ingegnosi a tale scopo. Ma nessuno di loro è creativo. 

L'inventiva, anche nella sua forma più geniale è una fatica sprecata. La sua natura molto specifica difficilmente si confronta con la creatività astratta delle creazioni di Dio.
3. La conoscenza, come abbiamo visto non porta all'azione. La tua confusione tra il reale e la creazione di quello che hai fatto di te, è così grande che ti ha impedito letteralmente di sapere nulla. 

La conoscenza è sempre stabile, ed è evidente che tu non lo sei. Anche se in realtà sei perfettamente stabile come Dio ti ha creato.

In questo senso, quando il tuo comportamento è instabile non sei di accordo con l'idea che Dio ha sulla tua creazione. Puoi fare questo se così lo scegli, ma non vorresti farlo se tu fossi nella tua mente sana. 
4. La domanda fondamentale che continuamente ti fai non puoi propriamente orientarla a te stesso.
Continui a chiederti cosa sei, ciò che significa che non solo conosci già la risposta ma che solo tu puoi risponderla. 

Tuttavia, è impossibile che tu possa percepirti correttamente. Soltanto hai una immagine che puoi percepire.

La parola "immagine" è sempre legata alla percezione e non è parte della conoscenza. Le immagini sono simboliche e rappresentano qualcosa di diverso da loro stesse. 

La idea di "cambiare la tua immagine" riconosce il potere della percezione ma anche implica che non c'è nulla di stabile in te che si possa sapere.
5. La conoscenza non è soggetta ad interpretazione. Puoi cercare di "interpretare" il significato di qualcosa ma c'è sempre la possibilità di sbagliarti,  perché si riferisce alla percezione che hai del significato.

Tali incongruenze sono il risultato dei tuoi tentativi di considerare te stesso separato e non separato simultaneamente. 

E 'impossibile impegnarsi in una confusione fondamentale senza ulteriore aumento della tua confusione generale.

La tua mente può essere diventata molto ingegnosa, ma come sempre accade quando il metodo e il contenuto non sono di accordo la utilizzi in un futile tentativo di fuggire da un vicolo cieco. 

La Ingegnosità non ha nulla a che fare con la conoscenza perché la conoscenza non richiede ingegno.

Il pensiero geniale non è la verità che ti farà libero ma ti permetterà di eliminare la necessità di utilizzarlo una volta che sei disposto a prescindere di esso. 
6. La preghiera è un modo per chiedere qualcosa. E' il mezzo dei miracoli. 

Ma l'unica preghiera significativa è il perdono perché coloro che sono stati perdonati lo hanno tutto. 

Una volta che il perdono è stato accettato, la preghiera nel suo senso comune, non ha senso.

La preghiera del perdono è semplicemente una richiesta perché tu possa riconoscere ciò che hai già. 

Quando hai scelto la percezione invece della conoscenza, ti sei piazzato in una posizione in cui solo percependo miracolosamente potresti sembrare tuo Padre.

Hai perso la conoscenza di essere un miracolo di Dio. La creazione è la tua fonte, ed è anche l'unica caratteristica che realmente hai. 
7. L'affermazione "Dio creò l'uomo alla sua immagine e somiglianza" ha bisogno di essere reinterpretata. 

"Immagine" può essere inteso come "pensiero" e "somiglianza ", come "di qualità simile"

"Dio ha creato lo spirito nel Suo proprio pensiero e di una qualità simile alla Sua. Niente di più. 

La percezione, da un altro canto, non può avvenire senza la credenza in "più" e in "meno". La percezione comporta selettività a tutti i livelli. 

Si tratta di un processo continuo di accettazione e di rifiuto, organizzazione e riorganizzazione, di sostituzione e di cambiamento. 

La valutazione è un aspetto essenziale della percezione, perché per selezionare si deve giudicare.
8. Cosa succede alla percezione in assenza di giudizio o qualsiasi cosa che non sia la perfetta uguaglianza? 

Percepire diventa impossibile. La verità solo può essere conosciuta. Tutto è altrettanto vero e conoscere ogni parte di essa è conoscerla per intero. Solo la percezione comporta una coscienza parziale. 

La conoscenza trascende le leggi che regolano la percezione perché la conoscenza parziale è impossibile.

La conoscenza è una e non ha parti distinte. Tu che sei veramente uno con esso basta conoscere te stesso in modo che la tua conoscenza sia completaConoscere il miracolo di Dio è conoscere Dio.
9. Il perdono è ciò che guarisce la percezione dalla separazione. Hai bisogno di percepire correttamente a tuo fratello, perché le menti hanno scelto di vedere se stesse come una entità separata. 

Lo spirito di Dio ha la conoscenza assoluta. Qui sta il suo potere miracoloso.

Il fatto che ciascuno di noi  disponi di questo potere per intero è una condizione del tutto estranea al pensiero del mondo. 

Il mondo crede che se qualcuno ha tutto, non c'è niente per gli altri. Ma i miracoli di Dio sono totali così come i suoi pensieri perché sono i Suoi pensieri.
10. Mentre continui a registrare la percezione, la preghiera è necessaria

Dal momento che la percezione è basata sulla scarsità, quelli che percepiscono non hanno accettato totalmente l'Espiazione ne si sono arresi alla verità.

La percezione è basata su uno stato di separazione, in modo che chiunque che di qualche modo percepisce ha bisogno di guarigione. 

Lo stato naturale di quello che gode della conoscenza è la comunione non la preghiera. Dio e il Suo miracolo sono inseparabili.

Come sono belli i pensieri di Dio che vivono nella Sua Luce! 


Il tuo valore è oltre la percezione, perché è fuori di dubbio. Non percepire te stesso in qualsiasi altra luce.

Conosce te stesso nell'unica luce in cui il miracolo che sei salirà in perfetta chiarezza. Un  corso di miracoli.

Grazie fratelli miei! sei nel mio cuore perché tu e io siamo uno!! Tante benedizioni e ti auguro una mente lucida e sana, che tu possa accettare tutto quello che stai vivendo come una opportunità e un miracolo per liberarti delle sofferenze e delle paure. Ti amo!! Namastè! Hari Shabab Kaur. MI DISPIACE PERDONAMI GRAZIE TI AMO. Google