Visualizza questo blog in altra lingua.

Se il tuo cuore lo sente,dona un po della tua abbondanza...TI AMO

15 gen 2014

Stai ascoltando la voce di Dio solo quando sei felice e reagisci con amore.

Sat Nam miei cari fratelli!! Tante benedizioni in questo giorno meraviglioso. Continuiamo con il corso di miracoli. Ti amo. Namastè.

Accetta oggi la pace e la gioia di Dio come tue. Permetti che Egli possa completare Se Stesso, così come Egli definisce ciò che è essere completo

Capirai che ciò che dà la completezza a Egli la dà anche a Suo Figlio.


Egli non può dare attraverso le perdite. Nemmeno tu. 


Accetta adesso il Suo dono della gioia e della pace, e Egli ti ringrazierà per il dono che Gli fai.
Scudo Protettivo Guardian
Protezione e radicamento per chi è ipersensibile alle emozioni altrui, per chi ha la tendenza ad assorbire troppo le energie che lo circondano e si sente per questo volubile ed irritabile. Dona stabilità e centratura interiore anche in ambienti affol

Un corso di miracoli. Capitolo 5.
La guarigione e la pienezza. 
VII-La decisione a favore di Dio.

1. Pensi davvero che puoi fabbricare una voce che possa annegare quella di Dio?

Pensi davvero che puoi inventare un sistema di pensiero che possa separarti da Egli? 

Pensi davvero di poter gestire la tua sicurezza e la tua gioia meglio di Egli?

Non hai bisogno di essere attento o negligente, hai bisogno soltanto di lasciare sulle Sue Spalle tutte le tue difficoltà, perché Egli ha cura di te.

Egli ha cura di te perché ti ama. 

La sua voce ti ricorda continuamente che hai tutta la ragione del mondo di sentirti fiducioso perché stai sotto la Sua cura.

Non è possibile scegliere di escluderti dalla Sua Cura perché non è la Sua Volontà, ma puoi scegliere di accettare la Sua Attenzione e usare l'infinito potere di essa per il bene di tutto ciò che Egli ha creato mediante sé stesso.
2. Ci sono molti guaritori che non hanno ancora guarito se stessi. 

Non hanno spostato le montagne con la loro fede, perché la loro fede non era assoluta.

Alcuni di loro di tanto in tanto hanno potuto guarire i malati, ma non hanno potuto risuscitare alcun morto.

A meno che il guaritore guarisca se stesso, non potrà credere che non c'è ordine di difficoltà nei miracoli.

Non avrà imparato che ogni mente che Dio ha creato è ugualmente degna di essere guarita, perché Egli l'ha creata con pienezza.

Ti è stato chiesto di dare semplicemente a Dio la tua mente così come Egli l'ha creata.

Dio ti chiede solo quello che Egli ti ha dato, sapendo che consegnandolo guarirai.

La correttezza non è che la pienezza e la sanità mentale dei tuoi fratelli che è anche la tua.
3. Perché prestare attenzione alle continue richieste folli che credi che ti chiedono, quando sai che la voce che parla per Dio è in te? 

Dio ti ha dato il suo Spirito e chiede a te di affidare a Egli il tuo.

Egli vuole che tu rimanga in pace perfetta perché sei di una stessa mente e di un solo spirito con Egli.

L'ultima risorsa disperata dell'ego in difesa della propria esistenza è escludere se stesso dall'Espiazione. 

Ciò che rifletta, sia il bisogno dell'ego di mantenersi separato e il fatto che tu sei disposto a metterti da parte dalla separazione che esso sostiene.

Il fatto che sei disposto a fare questo significa che non vuoi guarire.
4. Però è arrivato già il momento. 

Non ti è stato chiesto di elaborare il piano di salvezza, perché, come ho detto prima, il rimedio non avrebbe potuto essere opera tua.

Dio stesso ti ha dato la correzione perfetta per tutto quello che hai inventato che non è in accordo con la Sua santa Volontà.

Ti sto spiegando perfettamente il Suo piano e ti dico anche quale è il tuo ruolo in esso e quanto è urgente che tu lo porti alla fine. 

Dio si lamenta davanti il "sacrificio" dei Suoi figli che credono che Egli li ha dimenticati.
5. Ogni volta che non ti senti completamente felice è perché hai reagito senza amore davanti una delle creazioni di Dio.

Nel percepire questo come un peccato ti metti sulla difensiva perché prevedi un attacco.

Tu stesso sei quello che prende la decisione di reagire in quel modo e quindi, puoi revocarla immediatamente.

Non è possibile revocare pentendoti nel senso usuale delle parole, perché ciò implicherebbe la colpa.

Se cedi alla colpa, l'errore si rafforzerà piuttosto che permettere che sia disfatto.
6. Questa decisione non può essere difficile.

Questo è ovvio, se ti rendi conto che se non sei completamente soddisfatto è perché tu stesso l'hai deciso così.

Pertanto, il primo passo nel processo di disfacimento è riconoscere che hai deciso intenzionalmente e erroneamente, ma che con uguale sforzo puoi decidere diversamente.

Mantieni la tua fermezza su questo e rimani completamente consapevole che il processo di disfacimento, che non viene da te, si trova in te, perché Dio lo ha messo lì.

Il tuo ruolo è semplicemente quello di permettere ai tuoi pensieri di ritornare al punto in cui l'errore è stato fatto e consegnarlo lì all'Espiazione in pace.

Ripeti a te stesso quello che vedi qui sotto, il più onestamente possibile, ricordando che lo Spirito Santo risponderà pienamente con pienezza al tuo minimo invito:

Devo aver deciso in un modo sbagliato perché io non sono in pace.
Io stesso ho preso questa decisione, pertanto io stesso posso prendere un'altra.
Voglio decidere diversamente, perché voglio essere in pace.
Non mi sento in colpa, perché so che lo Spirito Santo, se lo permetto, cancellerà tutte le conseguenze della mia decisione sbagliata.
Permetto e lascio che Egli decida in favore di Dio per me. Un corso di miracoli.

Grazie bellissimo essere per essere presente nella mia vita e per leggere i miei post. Pioggia di benedizioni e abbondanza. Ti amo. Tu sei me e io sono te. Namastè. GoogleTutti post del corso di miracoli.