05 mar 2014

Essere cosciente della realtà è l'unica cosa che guarisce.

Sat Nam!! Tante benedizioni e pioggia di amore. Tutti i giorni abbiamo una nuova opportunità per cambiare la nostra percezione, per imparare a amare, per vedere tutto e tutti con gli occhi del cuore, accettare e lasciar andare tutte le difficoltà che apparentemente vediamo.

L'amore di Dio è il mio sostentamento. Ciò che dai valore in questo mondo è ciò che ti fa soffrire. 

Non devi fare nulla per cambiare ciò che vedi o sperimenti, soltanto capire che nulla nel mondo ti darà la felicità perché non è durevole. Solo ciò che è durevole è eterno. 

Il mondo che vedi della maniera in cui lo vedi è un'illusione. Non devi rinunciare al mondo, solo guarda il mondo così come è. Togli il valore che hai dato a esso. 

Chiedi allo Spirito Santo di farti vedere la realtà di tutto. Nulla che accade nel mondo può alterare la tua pace. Impara a sperimentare l'amore in tutte le situazione indipendentemente siano buone o conflittive. Prima di tutto la tua pace.

Ogni essere che trovi è una opportunità per imparare, per insegnare. Ogni situazione sia come sia è una lezione da imparare. Tutto è perfetto, tutto è come deve essere. 

Riceve la vita con gioia e ringrazia tutto. Ricorda chi sei!!! Solo essendo chi sei puoi trovare la libertà, la felicità, la pace vera. Ti amo.
Capitolo 9.
L'accettazione dell'Espiazione.
IV. Il piano del perdono dello Spirito Santo.
1. L'espiazione è per tutti, perché è la maniera di far svanire la credenza che qualcosa possa essere unicamente per te. Perdonare è ignorare l'errore. 

Guarda allora oltre l'errore e non permettere che la tua percezione faccia attenzione in esso, altrimenti crederai a ciò che la tua percezione ti mostra.

Accetta come vero solo ciò che tuo fratello è, se vuoi conoscere te stesso. Percepisci ciò che lui non è, e non potrai sapere ciò che sei, perché starai guardando il falso. 

Ricorda sempre che la tua identità è una identità condivisa e che in questo risiede la Sua Realtà.
2. Hai un ruolo da svolgere nell'Espiazione, ma il piano dell'Espiazione in se stesso è oltre te stesso. Non sai come ignorare gli errori, perché altrimenti non li commetteresti.

Credere che non commetti errori o che puoi correggerli senza una Guida, il cui proposito è correggerli, non è  altro che un errore. Se non segui questa Guida, i tuoi errori non potranno essere corretti.

Il piano non lo hai organizzato tu, ma è dovuto alle idee limitanti che hai su ciò che sei. Da queste sensazioni di limitazione è che vengono tutti i tuoi errori. La maniera di disfarli quindi non procede da te, ma è per te.
3. L'Espiazione è una lezione sul condividere, che ti è stato dato perché ti sei dimenticato di come farlo. Lo Spirito Santo semplicemente ti ricorda l'uso naturale delle tue capacità. 

Quando reinterpreta la capacità di attaccare come la capacità di condividere, Egli trasforma ciò che hai inventato in ciò che Dio ha creato.

Se vuoi raggiungere questo attraverso Egli, non puoi contemplare le tue capacità attraverso gli occhi dell'ego o le giudicherai allo stesso modo che lui.

I danni che questo può provocare risiede nel giudizio dell'ego. Il beneficio che può apportare risiede nel giudizio dello Spirito Santo.
4. L'ego ha anche un piano per il perdono, perché tu ne stai chiedendo uno, anche se non è a l'insegnante appropriato. Il piano dell'ego, quindi, non ha senso e non avrà mai esito. 

Seguire il suo piano ti metterà in una situazione impossibile che è dove l'ego ti conduce. Il piano dell'ego consiste di farti vedere chiaramente per prima l'errore, è che dopo tu lo ignori.

Ma come potresti ignorare quello che hai fatto diventare realtà? Quando guardi chiaramente stai dando realtà all'errore e non lo puoi già ignorare. 

In questo punto è dove l'ego si vede forzato a cercare i misteri, insistendo che per salvarti devi accettare ciò che non ha senso. 

Sono tanti quelli che hanno tentato di fare questo nel mio nome, dimenticando che le mie parole hanno perfetto senso perché procedono da Dio. 

Sono tanto sensate ora come lo sono state sempre, perché esprimono idee che sono eterne.
5. Il perdono che si impara da me non utilizza la paura per disfare la paura. Non concede neanche realtà a ciò che non è reale per dopo distruggerlo. 

Perdonare attraverso lo Spirito Santo consiste chiaramente nel guardare oltre l'errore dall'inizio, facendo in modo che non sia mai reale per te.

Non permettere che nessuna credenza che affermi che l'errore è reale si metta nella tua mente o crederai anche che,  per poter essere perdonato, devi disfare ciò che tu stesso hai fatto.

Ciò che non ha effetto non esiste e per lo Spirito Santo gli effetti dell'errore sono inesistenti. Attraverso la cancellazione progressiva e sistematica degli effetti di tutti i tuoi errori, in tutte le parti e rispetto a tutto, lo Spirito Santo insegna che l'ego non esiste e lo dimostra.
6. Segui, quindi, gli insegnamenti del perdono dello Spirito Santo, perché il perdono è la Sua funzione ed Egli sa come svolgerla perfettamente. 

Questo è ciò che ho voluto dire quando ho detto che i miracoli sono naturali e che quando non si verificano è perché qualcosa non va bene.

I miracoli sono semplicemente il segnale che sei disposto a seguire il piano di salvezza dello Spirito Santo e che riconosci che non sai ciò che questo piano è. 

La funzione che corrisponde a Egli di portare a termine non è quella che corrisponde a te, a meno che accetti questo non potrai sapere quale è la tua funzione.
7. La confusione di funzioni è una caratteristica tipica dell'ego, alla quale dovresti già essere abituato. L'ego crede che spetta lui portare a termine tutte le funzioni, sebbene non ha la minima idea di ciò che queste sono. 

Questo è più che una semplice confusione. E' una combinazione specialmente pericolosa di grandiosità e confusione che predispone l'ego ad attaccare qualsiasi persona o qualsiasi cosa, senza nessun motivo apparente.  

Questo è esattamente ciò che l'ego fa. Le sue reazioni sono imprevedibili, perché non ha nessuna idea di ciò che percepisce.
8. Se non hai idea di ciò che sta accadendo, Come puoi aspettare di reagire correttamente? 

Potresti chiederti, indipendentemente da come spieghi la reazione, se il carattere imprevedibile dell'ego giustifica di dargli un posto di fiducia come tua guida.

Permettimi di ripetere che le qualificazioni dell'ego come guida sono notoriamente deficienti e che sceglierlo come il tuo maestro di salvezza è una decisione sbagliata.

Quello che sceglie una guida completamente demente non può che essere completamente demente. Non è certo, che non ti rendi neanche conto che questa guida è demente. 

Ti rendi conto di questo perché io mi rendo conto, giacché lo stai giudicando seguendo lo stesso criterio che seguo io.
9. L'ego vive letteralmente “del tempo in prestito” e i suoi giorni sono contati. Non avere paura del Giudicio Finale, piuttosto dagli il benvenuto senza più ritardo, perché il tempo di cui l'ego dispone è “prestato” dalla tua eternità.

Questo è Il Secondo Avvento, il quale è stato concepito per te, nella stessa maniera in cui il Primo è stato creato. 

 Il Secondo Avvento è semplicemente il ritorno del buonsenso. Come potrebbe essere questo spaventoso?
10. Cosa potrebbe essere più temibile delle fantasie? Chi ricorre alle fantasie, a meno che abbia perso tutta la speranza di poter trovare soddisfazione nella realtà? 

E' indubitabile, nonostante ciò, che mai troverai soddisfazione nelle fantasie, in modo che la tua unica speranza è cambiare di parere rispetto alla realtà.

Solo se la tua decisione che la realtà è spaventosa, è sbagliata, può avere certezza Dio. Io ti assicuro che Dio è giusto. 

Rallegrati, quindi, di esserti sbagliato, ma questo è dovuto solo al fatto che non sapevi chi eri. Perché avendolo saputo non avresti potuto sbagliare, nella stessa maniera in cui Dio non può sbagliarsi.
11. L'impossibile può avere luogo solo nelle fantasie. Quando cerchi la realtà nelle fantasie non la puoi trovare. I simboli delle fantasie appartengono all'ambito dell'ego e di questo tipo puoi trovarne una infinità.

Però non cercare significato in loro. Sono sprovvisti di significato nella stessa maniera che le fantasie in cui si intrecciano. Le fiabe possono essere piacevoli o spaventose, ma nessuno crede che siano la verità. 

Forse i bambini credono a loro e così per un tempo sono verità per loro. Ma quando la realtà arriva, le fantasie spariscono. Ma, nell'interim, quindi la realtà non era sparita.

Il Secondo Avvento è la coscienza della realtà, non il suo ritorno. Creatura di Dio, guarda!! La realtà è qui! Appartiene a te, a me e a Dio, soddisfa completamente a tutti. 

Essere cosciente di questo è l'unica cosa che guarisce, perché è la coscienza della verità. Un corso di miracoli.

Grazie bellissimo essere per essere presente nella mia vita e per leggere i miei post. Ti amo. Tu sei me e io sono te. Namastè. Google

Visualizza questo blog in altra lingua.

Se il tuo cuore lo sente,dona un po della tua abbondanza...TI AMO