11 mar 2014

La verità non cambia, sempre sarà la verità.

Sat Nam!! Tante benedizioni per te in questo giorno perfetto. Ogni giorno ricordiamo chi siamo. 

Ricordiamo che tutti siamo uno. Che non siamo separati. Che abbiamo fratelli dappertutto e che abbiamo bisogno di loro per liberarci.

Possiamo essere tentati dall'ego, ma sapiamo che tutto ciò che non viene dall'amore no è vero e perciò non crediamo in nulla che non venga da Dio.


Tutte le bugie dell'ego le neghiamo e cambiamo subito i pensieri negativi per i pensieri positivi. 


Ogni emozione che sperimentiamo sono solo proiezioni dell'ego e fanno effetto in noi solo se crediamo a loro

Se crediamo che le proiezioni dell'ego sono reali, stiamo dando valore e significato a qualcosa che non è la verità. Questa credenza ci metti in conflitto. 

Noi non dobbiamo risolvere i conflitti, solo dobbiamo accettarli, riconoscerli, sentire e prendere coscienza che ciò che stiamo sperimentando non ha il valore che pensavamo che aveva, no è importante perché in realtà ciò che apparentemente ci fa soffrire non è esistito mai. E' solo un'illusione.


Lo Spirito Santo ci aiuta a vedere questo e corregge la nostra mente, corregge la nostra visione. 


Noi non siamo soli e se permettiamo allo Spirito santo di guidarci, vedremo che cambiare la nostra percezione non è doloroso né difficile. Ricordiamo sempre che siamo la volontà di Dio. Che siamo amore.
Bevanda di Mandorla
Padre il mio unico compito oggi è contemplare un mondo liberato, libre di giudizi, vedere tutte le cose senza macchie, liberi di peccati. Oggi la paura è sparita, oggi ho invitato l'amore. Grazie per il regalo della visione. Ora posso contemplare un mondo perdonato e innocente. Oggi posso contemplare con gli occhi dell'amore. Prendi il controllo totale della mia vita e portami a casa dove sono completamente impeccabile e abbondante. Ti amo. Grazie.
Capitolo 9. 
L'accettazione dell'Espiazione.
VIII-La grandezza in contrasto con la grandiosità.
Scarica Audio mp3. Scarica pdf

1. La grandezza è di Dio e solo di Egli. Pertanto si trova anche in te. Sempre che sei cosciente di essa, per vagamente che sia, abbandona l'ego automaticamente, giacché in presenza della grandezza di Dio l'insignificanza dell'ego risulta perfettamente evidente.

Quando questo accade, l'ego crede, anche se non lo capisce, che il suo “nemico” lo ha attaccato e tenta di offrirti regali per convincerti a ritornare sotto la sua “protezione”. L'auto-ingrandimento è l'unica offerta che può fare. 

La grandiosità dell'ego è l'alternativa che lui offre alla grandezza di Dio. Per quale di queste due alternative decidi?
2. Il proposito della grandiosità è sempre coprire la disperazione. Non c'è speranza nel fare questo, perché non è reale. 

E' un tentativo di contrastare la tua convinzione di piccolezza, basata nella credenza che la piccolezza è reale.

Senza questa credenza la grandiosità non avrebbe senso e non la sceglieresti in assoluto. L'essenza della grandiosità è la competenza, perché la grandiosità implica sempre attacco. 

E' un intento illusorio di eclissare ma non di disfare.

Abbiamo detto anteriormente che l'ego oscilla tra il sospetto e la perversità. Rimane perplesso mentre sei disperato con te stesso. 

Passa alla perplessità nel momento in cui tu decidi di non tollerare più la auto-degradazione e cercare aiuto. Allora ti offre come “soluzione” l'illusione dell'attacco.
3. L'ego non capisce la differenza tra la grandezza e la grandiosità, perché non vede la differenza che c'è tra gli impulsi miracolosi e le strane credenze dell'ego, che lui stesso ha inventato. 

Ho detto che l'ego è cosciente che la sua esistenza è minacciata, ma non fa distinzioni tra questi due tipi di minacce così tanto diverse.

La sua profonda sensazione di vulnerabilità gli impedisce di giudicare, eccetto che con gli attacchi

Quando l'ego si sente minacciato, la sua unica scelta è attaccare ora o ritirarsi per attaccare più tardi. Se accetti la sua offerta di grandiosità attaccherà subito. Se non è cosi, aspetterà.
4. L'ego rimane inamovibile davanti la presenza della grandezza di Dio, perché la Sua grandezza stabilisce la tua libertà. 

Anche la minima indicazione della tua realtà butta via letteralmente l'ego dalla tua mente, giacché smetti di interessarti a lui completamente

La grandezza è totalmente senza illusioni e giacché è reale, è estremamente convincente. Ma la convinzione di ciò che è reale ti abbandonerà se permetti l'ego di attaccarti. 

L'ego non risparmierà  alcuno sforzo per disfare e mobilizzare le sue risorse contro la tua liberazione.

Ti dirà che sei un matto, sostenendo che la grandezza non può essere in realtà parte di te, dovuto alla tua piccolezza nella quale lui stesso crede. 

Ma la tua grandezza non è illusoria, perché non è stata inventata da te.

Hai inventato la grandiosità e hai paura di essa perché è una maniera di attacco, ma la tua grandezza è di Dio, chi l'ha creata come una espressione del Suo amore.
5. Dalla tua grandezza puoi solo benedire perché la tua grandezza è la tua abbondanza. Quando benedici la conservi nella tua mente, proteggendola in questa maniera dalle illusioni e mantenendo te stesso nella Mente di Dio.

Ricorda sempre che non puoi stare in nessun'altra parte, eccetto nella Mente di Dio. Quando dimentichi questo ti metti in ansia e attacchi.

6. L'ego dipende esclusivamente dal fatto che sei disposto a tollerarlo. Se tu fossi disposto a contemplare la grandezza non potresti disperarti e pertanto non potresti desiderare l'ego. 

La tua grandezza è la risposta di Dio all'ego, perché è la verità. La piccolezza e la grandezza non possono coesistere, non possono neanche accadere in modo alternativo.

La piccolezza e la grandiosità, d'altra parte, non possono alternare, ma si vedono costrette a farlo, giacché nessuna delle due sono la verità e si trovano pertanto allo stesso livello. 

Come questo è il livello dei cambiamenti, si sperimenta come un alternarsi costante, perché gli estremi è la sua caratteristica principale.
7. La verità e la piccolezza si negano a vicenda perché la grandezza è la verità. La verità non cambia, sempre sarà la verità. 

Quando perdi la coscienza della tua grandezza è che l'hai rimpiazzata con qualcosa che tu stesso hai inventato.

Forse con la credenza nella piccolezza, forse con la credenza nella grandiosità. Pero qualsiasi di loro non possono che essere dementi, perché non è la verità

La tua grandezza non ti ingannerà mai, però le tue illusioni lo faranno sempre. 

Le illusioni sono inganni. Non possono trionfare, ma sei esaltato. Nel tuo stato di esaltazioni stai cercando altri che sono come te e ti rallegri con loro.
8. E' facile distinguere la grandezza dalla grandiosità, perché l'amore può essere ricambiato ma l'orgoglio no

L'orgoglio non produrrà miracoli e ti priverà quindi dai veri testimoni della tua realtà.

La verità non è velata o nascosta, ma che sia evidente per te dipende dalla gioia che porti ai tuoi testimoni, che sono quelli che la faranno vedere a te.

Loro danno testimonianza della tua grandezza, ma non possono dare testimonianza dell'orgoglio, perché l'orgoglio non può essere condiviso. 

Dio vuole che contempli ciò che Egli ha creato, perché ciò che Egli ha creato è la Sua gioia.
9. Come può essere che la tua grandezza sia arroganza quando Dio stesso da testimonianza di essa? E' ciò che non ha testimoni può essere reale? 

Quali benefici potrebbero derivare da questo? Se non può derivare nessun beneficio lo Spirito Santo non può usarlo.

Ciò che Egli non può trasformare nella Volontà di Dio non esiste in assoluto. La grandiosità è qualcosa illusoria, perché il suo proposito è rimpiazzare la tua grandezza. 

Ma ciò che Dio ha creato non può essere rimpiazzato. Dio è incompleto senza di te, perché la Sua grandezza è totale e tu non puoi essere escluso da essa.

10. Tu sei assolutamente insostituibile nella mente di Dio. Nessun'altro può occupare il tuo posto in essa e mentre lo lasci inoccupato, il tuo eterno posto aspetterà semplicemente il tuo ritorno. 

Dio ti ricorda questo attraverso la Sua Voce e Egli stesso mantiene in salvo le tue estensioni dentro la Sua Mente.

Ma non le conoscerai fino a quando ritorni a loro. Non puoi rimpiazzare il Regno, né puoi rimpiazzare te stesso. Dio, che conosce il tuo valore, non lo permetterebbe, pertanto non può accadere. 

Il tuo valore si trova nella Mente di Dio e pertanto non solo nella tua.

Accettare te stesso tale come Dio ti ha creato non può essere arroganza, perché è la negazione dell'arroganza.

 Accettare la tua piccolezza è arroganza, perché significa che credi che la valutazione che hai fatto su te stesso è più certa di quella di Dio.
11. Tuttavia, se la verità è indivisibile, la valutazione che hai fatto di te stesso dev'essere la stessa che ha fatto Dio su di te. Tu non hai stabilito il tuo valore e questo non ha bisogno di difesa.

Nulla può attaccarla, né prevalere contro di essa. Non cambia mai. Semplicemente è. Chiedi allo Spirito Santo qual è il tuo valore e Egli te lo dirà, ma non avere paura della Sua risposta, perché procede da Dio.

E' una risposta esaltata per ragione dalla sua origine e come l'origine è verità, la risposta lo è anche. Ascolta e non mettere mai in dubbio ciò che ascolti, perché Dio non inganna mai.

Egli vuole che rimpiazzi la credenza dell'ego nella piccolezza per la Sua Propria Risposta esaltata a ciò che sei, in modo che tu possa smettere di metterla in dubbio e la conosca cosi come è. Un corso di miracoli.

Grazie bellissimo essere per essere presente nella mia vita e per leggere i miei post. Pioggia di benedizioni e abbondanza. Ti amo. Tu sei me e io sono te. Namastè. Google

Visualizza questo blog in altra lingua.

Se il tuo cuore lo sente,dona un po della tua abbondanza...TI AMO